Soroptimist International d'Italia

Soroptimist International d'Italia
Sorores Optimae

mercoledì 19 luglio 2017

Anche la giovane Stéphanie Wuillermoz al 21° Congresso del Soroptimist International a Firenze


C’era anche una delegazione del  Club Valle d’Aosta al 21° Congresso del Soroptimist International d’Europa che si è svolto lo scorso fine settimana a Firenze alla Fortezza da Basso e che  ha registrato la presenza di più di mille ospiti provenienti da tutto il mondo.


 “Own the future: Education, your passaport to a better life” era il  titolo del Congresso, che in poche parole nette e precise ha chiarito l’obiettivo su cui puntare: solo attraverso l’educazione e la conoscenza si può pervenire ad una vita migliore.
La sessione plenaria  di quest’anno ha centrato la sua attenzione sulle scienze STEM  (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica): attualmente le donne sono soltanto il 17% della forza lavoro in STEM, ciò che evidentemente riduce in modo significativo la loro  possibilità di cambiare la vita con il  lavoro.
Un’altra sessione è stata dedicata alla c.d. Green Economy -dalle energie rinnovabili, alle tecnologie pulite e alle migliori pratiche- campo in cui le competenze STEM sono sempre più necessarie come collegamento indispensabile con il mondo della scienza.
Di elevatissimo livello gli interventi clou del Convegno che hanno catturato l’attenzione della Presidente in carica del Club Valle d’Aosta, Wally Orsi  e della Presidente eletta (a ottobre ci sarà il passaggio del testimone) Manuela Zublena.

Da destra: Vanna Naretto, Manuela Zublena, Paola  Battistini Varda, Patrizia Salmoiraghi (Presidente Eletta dell'Unione Italiana), Ficai Veltroni Enrica (Presidente club Firenze), Wally Orsi, Rossella Meggiolaro Leon e la figlia Hélène

 “Ancora una volta è stata messa in luce la professionalità, la tenacia e la lungimiranza propria delle donne per un confronto costruttivo sulle forze da mettere in campo per migliorare le condizioni di vita femminile, specie nei paesi più poveri e disagiati, offrendo a donne e ragazze, grazie ad un’educazione consapevole, il passaporto per una vita migliore” ha sottolineato  la Presidente Orsi. Mentre “lo spirito STEM” dell’ingegnere nucleare Manuela Zublena è stato nutrito dalle relazioni, tutte particolarmente intense e interessanti,  della  fisica polacca Agnieszka Zalewska, già  presidente del Consiglio del CERN, dell’ordinaria di Analisi Matematica presso l’Università di Torino, Susanna Terracini, dell’Ingegnere Corinna Salander dell’Università di Stoccarda e  della genetista belga Christine van Broeckhoven dell’Università di Antwerp, conosciuta soprattutto per la sua ricerca pionieristica nel campo delle demenze neurodegenerative. “E’ stato un piacere immenso - ha sottolineato Manuela Zublena -  ascoltare le relazioni, condotte magistralmente, con semplicità ma con  grande ricchezza di contenuti,  da queste donne che hanno dedicato la loro vita alla scienza in funzione della crescita  e dello sviluppo di una società cosciente ed informata”.

Sthéphanie Wuillermoz con Manuela Zublena


Grande anche la soddisfazione della Gouverneur (una delle due rappresentanti dell’Italia in seno alla Federazione europea) Vanna Naretto, per il successo della manifestazione  “per la prima volta svoltasi in Italia ma  ancora di più per la partecipazione della giovane Stéphanie Wuillermoz, laureata in Matematica, che è stata invitata dal Club Valle d’Aosta con il totale supporto finanziario del Soroptimist”. Nelle parole di ringraziamento di Stéphanie al Club c’è la consapevolezza di essere stata una privilegiata per aver potuto  vivere un’esperienza di interazione e di colloquio diretto con scienziate eminenti provenienti da diversi campi scientifici e vari paesi europei: “Rivolgo al Soroptimist Club Valle d’Aosta un grande grazie - ha detto - per la fantastica opportunità che mi ha dato!  È stata un'esperienza molto formativa, oltre che per il Congresso in sé, anche per le persone che ho incontrato e per  le realtà che ho potuto conoscere. Racconterò volentieri questa mia esperienza!”


Un’ultima annotazione: l’Italia ha vinto la medaglia per l’Estensione, è stata cioè il paese europeo che ha fondato in un anno il maggior numero di  nuovi club, dimostrando così che la condivisione dei valori,  la capacità di attrattiva e l’orgoglio di appartenenza  sono una caratteristica essenziale del Soroptimist International, capace ancora di richiamare nuove forze e accrescere così  la vitalità dell’Associazione.


Per Il Soroptimist International Club Valle d’Aosta
Maria Paola Battistini Varda

(foto Vanna Naretto)


sabato 1 luglio 2017

Golf Challenge Cup Soroptimist 'Circuito per l'Africa'


Il 2° Trofeo Soroptimist International Club Valle d’Aosta si è svolto con successo sabato 25 giugno al Golf Club Courmayeur et Grandes Jorasses. La splendida giornata, la cornice delle montagne più belle d’Europa, l’accoglienza calorosa dei padroni di casa, l’entusiasmo dei golfisti e i tanti premi messi a disposizione da generosi sponsor,   sono stati gli ingredienti ideali per una giornata da ricordare!
Il Trofeo da quest’anno è stato inserito nella 10° Golf Challenge Cup del Soroptimist International d’Italia “Circuito per l’Africa” cui partecipano 13 Club italiani e 2 rwandesi. E’ stata  fatta questa scelta per affermare come ogni azione messa in campo dal Soroptimist debba avere come obiettivo principale la solidarietà, intesa nel più ampio contesto di riconoscimento dei diritti umani eguali per tutti, ed in particolare la promozione della condizione femminile. Il Club di Butare in Rwuanda potrà così provvedere alla recinzione del terreno della Maison des Femmes, attivare un microcredito per l’acquisto di macchine per cucire per le ragazze, mentre a Butare Astrida andrà un contributo per il pagamento dell’affitto del terreno e l’acquisto di una seconda serra.
Tornando al nostro Trofeo, buona la partecipazione con 44 partecipanti che si sono cimentati in una stableford a 18 buche.



Vincitore del più prestigioso premio, il 1° lordo, Fabbri Claudio, con 32 punti (già vincitore anche lo scorso anno), seguito, sempre in 1 categoria,  da Pozzolini Stefano 1° netto con 33 punti e da Pozzolini Luca 2° netto con 33 punti. La 2° categoria nel netto ha visto l’affermazione di Zanin Vanna con 42 punti seguita da Martelli Filippo con 40 punti.
In terza categoria successo di Scarso Giovanni con 36 punti, seguito da Pensotti Bruni Paolo sempre con 36 punti. I Premi speciali sono stati assegnati a Fabbi Patrizia, Celesia Attilio, Marjolet Alex,  rispettivamente 1° Ladies con 37 punti, 1° Seniores con 39 punti, 1° Juniores con 35 punti. Alla socia Missero Bruno Lucia è stato consegnato il  Premio Soroptimist Club Valle d’Aosta con 26 punti.
Alla premiazione ha fatto seguito un aperitivo che ha concluso questa giornata di festa e solidarietà allietata dai tanti premi a sorteggio messi  generosamente a disposizione dagli sponsor: Banca Mediolanum, I.C.O.N, Norma e Sergio Vietti, Trossello Gioiellerie, La Valdotaine, Bruno Tex, Centro Ottico Reverchon, Profumeria Vallacqua, Giuseppe Lazzarotto, L’elettromeccanica Meggiolaro, The Clubs House, Azienda La Source di S. Celi, Pasticceria Buzzi, Farmacia Fabbri, Maison Rosset, cui va il ringraziamento più sentito di tutto il Soroptimist Club Valle d’Aosta.


Un grazie particolare va al Presidente del Golf Club Courmayeur et Grandes Jorasses, Pasqualino De Luca, che ci onora sempre della sua presenza e ad Antonio Barone, insostituibile direttore, con i quali c’è una splendida intesa su un cammino comune di amicizia e di solidarietà che si consoliderà  sicuramente anche nelle prossime stagioni.

                                                                                              Maria Paola Battistini Varda

                                                                                              
per il Soroptimist 

Club Valle d’Aosta

Gallery
(foto by Vanna Naretto)